Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Rasoio di Occam

4 Novembre 2014 , Scritto da ARTE E D'INTORNI a cura di Hedda Cacchioni

a cura di Hedda Cacchioni
Counselor Editor Scrittrice
Artista Atleta

 

Guglielmo Occam è nato nel 1290 e morto nel 1349 a Monaco di Baviera; insegnante a Oxford e frate francescano.

Grande pensatore dell'età scolastica e primo dell'età moderna. In questo periodo la filosofia apriva così un nuovo percorso che collaborava con la ricerca empirica e non teologica. Nella società medievale si nota un importante cambiamento in cui il papato e l'impero perdono il loro supremo potere per dar spazio a nuove realtà. Tuttavia in questo stato di cose la scolastica raggiunse il suo apice. Guglielmo Occam era un forte sostenitore della ragione a priori. Egli attraverso studi constatò che l'eternità del mondo (Aristotele) e tutte le argomentazioni per confutarlo non reggevano in piedi nessuna tesi. Sull'aspetto ontologico Occam riteneva quanto segue: <<non bisogna moltiplicare gli enti senza necessità>> Nasce il Rasoio di Occam un principio di economia ontologica che riduce l'entità esistenti a quella necessaria. Etere; spazio; tempo; sono concetti ritenuti esempio di entità di cui si può fare a meno per spiegare i fatti del mondo. Nei principi del Rasoio di Occam esiste 'l'individuale'; il singolo essere umano; l'umanità vista come gruppo di esseri umani serve per avere una visione di pluralità di cose particolari. Il Rasoio di Occam predilige la 'semplicità'. Qual'ora ci fossero più spiegazioni la scelta deve ricadere su quella più semplice. Formula - non considerare la pluralità se non è necessario

Senza il Rasoio di Occam la scienza perderebbe ogni potere predittivo.

(riproposta di Arte e d'intorni per...)

suggerimento: approfondire l'argomento è arricchente

<<non bisogna moltiplicare gli enti senza necessità>>

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post