Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

II lezione
Le tipologie famigliari nel tempo

 

 

Corso gratuito aperto ogni martedi ore 11.45 sulla diretta fb nel gruppoCorsoGestioneCoordinamento sviluppato in articoli postdiretta. Coadiuvato da Hedda Edda Cacchioni

 

La lezione si riferisce al cambiamento strutturale famigliare  nel tempo e per poterlo individuare terremo in considerazione la Famiglia Patriarcale la sua modalità espletativa comportamentale ergo modello di riferimento per poi arrivare al modello famigliare strutturale dei giorni correnti.

Famiglia Patriarcale
La famiglia patriarcale è un modello famigliare, il significato stesso si evince dalla parola di derivazione latina e greca per cui da patriarcale: famiglia sostenuta dal patriarca dal capostitipe perno centrale affettivo/economico.
Composta da circa 20 persone con gestione autarchica in quanto i bisogni della famiglia erano forniti dall'interno famigliare ergo con una minima coesione esterna.
Considerata Unità Produttiva per famiglia patriarcale s'intende inoltre una condivisione dello stesso spazio abitativo di figure parentali genitoriali, figli, nonni, zii. Il lato economico è gestito dall'anziano, la donna si occupa dei figli e marito, il maschio dominante regna sovrano nell'intera famiglia.
I figli maschi lavorano la terra le figlie si occupano dei mestieri di casa e dei fratellini e sorelline minori.

Famiglia Nucleare
il cambiamento sociale dato dall'industrializzazione ha cambiato la struttura famiglia che da Unità Produttiva diventa Unità di Consumo.
In questa nuova famiglia  gruppo è formato da genitori e figli.
L'uomo è capofamiglia, la donna ha il ruolo di casalinga e gestisce autonomamente i mestieri di casa e la cura dei figli e del marito.
Con l'invenzione della televisione si ha l'omologazione la massificazione.
Giuridicamente la donna non ha uguaglianza a livello sociale/profesionale.
Le relazioni nell'abitazione cambiano diventano private e partecipative.

Famiglie a doppio reddito
La famiglia a doppio reddito è per così dire una neonata. I genitori lavorano entrambi ergo cambia conseguentemente la gestione famigliare.
I compiti di mantenimento gestione coordinazione sono manifestati da entrambi i genitori.

 

Modello famigliare new entry italiano
L'emancipazione femminile è il punto focale  del cambiamento strutturale famigliare. Inoltre c'è l'incidenza del flusso migratorio, più libertà di espressione, l'omosessualità ha pieno diritto di esistere quanto forma famigliare.
Oggigiorno in Italia si evidenzia un calo di matrimoni sia civili sia religiosi e di nascite.
Un aumento di separazioni, divorzi  e allungamento di vita ciò fa coincidere con una vita solitaria individualizzante.
Questa rivoluzione non silente ne inosservata ha portato quanto segue:
DIFFERENZA PER STRUTTURA
Famiglie MONOGENITORIALI:
•  famiglie composte da madri nubili e i lori figli;
•  famiglie composte da un genitore vedevo e figli.
Famiglie PLURINUCLEARI:
•  famiglie composte da due nuclei monogenitoriali;
•  famiglie ricomposte in cui almeno un membro della coppia
coniugale ha figli nati da una precedente unione;
•  famiglie composte da un nucleo originario e uno affidatario.
Famiglie NUCLEARI:
•  coppia coniugale senza figli;
•  coppia coniugale e figli biologici;
•  coppia e figli adottivi o biologici e adottivi.
DIFFERENZA PER APPARTENENZA
ETNICA
•  Famiglie MONOETNICHE
•  Famiglie PLURIETNICHE
DIFFERENZA PER ORIENTAMENTO
SESSUALE
•  Coppie ETEROSESSUALE
•  Coppie OMOSESSUALE
DIFFERENZE PER PROVENIENZA
GEOGRAFICA
•  Famiglie AUTOCTONE
•  Famiglie IMMIGRATE

(Schema 'Differenta per Struttura' di Carmen Gallicchio)

Il rinvio al matrimopnio per i giovani italiani è legato all'assenza di lavoro.
Lo stato di benessere delle persone ha allungato l'incontro con la vecchiaia e si è passati dai 60/56 ai 75 anni per le'tà senile.
Le donne in stato occupazionale lavorativo sono circa il 34% in più.
Da notare il processo di semplificazione delle famiglie ovvero piccoli nuclei monogenitoriali, coppie di fatto, famiglie ricostruite coniugate.
Le famiglie monogenitoriali sono prevalentemente femminili ed equivalgono all'86,1%

Fonte
. Carmen Gallicchi
. Wikipedia
.Libro in costruzione Project E.C.

Tag(s) : #Corso gratuito Coordinamento e Gestione

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: