Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

 

 

Turisti, noi

Hedda Edda Cacchioni
Counselor-Editor
Artista.Atleta

 

 

 

Nell'attuale societa' le persone hanno uno stato confusionale generalizzato si possono definire schizofrenici innaturali, la massificazione sgretola l'individualita' di ognuno costruendo un ''noi'' malato.
Buttati nella folla del quotidiano ogni singolo essere umano si deresponsabilizza, il gruppo ha funzione comportamentale  quindi responsabile di tutti su altri che siano cose animali e persone, un comportamento istintuale che sia in direzione del Bene sia del Male.

L'individuo ai suoi albori si e' raggruppato per difendere la sua abitazione dall'attacco degli ''orsi'', un atteggiamento intelligente e non azzardato.
Oggi le persone studiano, analizzano, commentano le grandi scoperte sull''individualita'' tuttavia la parola chiave della postmodernita' e' ''riciclare'' mentre la parola ''creazione'' fa parte della modernita' ergo se ne deduce che l'identita' entra nello scrigno della dimenticanza.

Con il termine riciclo tutto diventa momentaneo e disimpegnativo. Se la modernita' era costruita in acciaio e cemento la postmodernita' fa sua la plastica biodegradabile.
Per citare Zygmunt aggiungo che l'individualita', l'identita' ''non e' un problema e' il problema''.
L'identita' esiste ed e' presa in considerazione quando non si e' sicuri della propria appartenenza, quando si cerca di essere in quella ''folla'' , risultato, l'identita' e' nome dell'incertezza da cui la buona credenza che alcuni problemi sociali possono essere risolti da sforzi individuali.
Questa ricerca dell'individualita' e' certo che ha creato nuovi lavori quali le guide, i consulenti, gli insegnanti, gli allenatori persone capaci di dare idee sull'identita' come acquisirla e come mantenere alta l'individualita'.

 


Dopodiche' l'indomabile 'identita'' si fa strada col pensiero della ''liberta' individuale di scelta''. Tra il caos creato dall'incertezza individuale si trova il ''pellegrino'' tra l'altro conosciuto con la nascita del Cristianesimo in cui i cristiani erano vagabondi, ''pellegrini nel tempo, cercando il regno dell'eternita' '' come sosteneva Sant'Agostino.
Il pellegrino si trova ounque egli non voglia stare, in tal senso egli trova indicativa la strada non la casa. Il pellegrino conosce la precarieta' della vita, rimarca la notevole presenza del passato e futuro in cui il presente continuo e' la modalita' del vivere per restare in eterno.
Zygmun quando tratta una delle quattro categorie comportamentali umane da lui presentate, tra cui appunto il pellegrino, parla del deserto la quale offre la sensazione di ascoltare il silenzio, aggiungo, probabilmente assieme ad altri vagabondi sotto il cielo di tutti.
Il turista ha un'obiettivo, vive di esperienze emozionali creative spesso sfugge da un presente schivo e poco accettabile.
Un altra figura sociale e' il ''turista'' che a differenza del vagabondo egli e' un animale sociale di citta' ma entrambi, turista e pellegrino, sono in movimento.


Cio' tuttavia va capita la scena della vita, la multitudine di quadri nella quale collocarsi. Nei  gruppi la moralita' individuale resta di importanza prioritaria, in quanto legata alla capacita' di scegliere e reagire con la propria ragione seppur parte di una folla che sia in citta' o nel deserto.

Ritengo che pellegrino o  turista in quanto categorie di individui, questi abbiano la responsabilita' sociale ergo doveroso ricordare  quei valori che fanno dell'essere umano una persona in rete ma non un automa depersonalizzato. Amore Lealta' Rispetto Dignita' Liberta valori che se portati ovunque si potrebbe propendere per una comunita' ricca di fraternita' in cui la famiglia, piccolo nucleo sociale, se ne avvantaggerebbe.
Questi stessi valori offrono come  dono il senso della vita, creano uno stile di vita con obiettivi riguardosi verso il Mondo, la Natura e l'Altro.


 



Con questo criterio anche la problematica globale finanziaria che la societa' tutta sta subendo prenderebbe nuove direzioni. L'equita' intesa come miglioramento sociale perche' fondamentalmente le differenze esistono e vanno accettate. Il sistema va riindirizzato all'ascolto della Natura che sta chiedendo aiuto e va fatto ancor prima che la natura stessa si difenda da sola anticipando di duecentomila anni la morte della Terra.
I Valori come simbolo di una memoria ritrovata perche' se Dio e' morto e' perche' non si riesce piu' a vedere con la magia di uno sguardo puro quel punto invisibile che un di' tutto Creo'.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte
. Zygmunt Bauman
. Gustav Le Bon
. Friedrich Nietzsche
. Marcel Proust
. Progetti e.c. online

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: