Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Tourbike Cerenova Costantica-Pisa e le Piazze del quartiere S. Maria

foto da wikipedia

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Tourbike Cerenova Costantica-Pisa 
le Piazze del quartiere S. Maria 

a cura Edda Cacchioni 
Scrittrice Professionista Traduttrice
Editor Counselor 

Relatrice cicloviaggiatrice 

 

Significato del termine Piazza
Il termine deriva dal greco e vuol dire Largo. Mentre dal latino significa platea - lungo 

Storia in breve di Pisa
Pisa è una incantevole città con un grande passato economico culturale tuttavia ha avuto anche un periodo di bruttura causato dalle dominazioni e dal suo abbandono. Pisa si trova al nord della Toscana ed è attraversata dall'Arno. E' separata da Lucca dai monti Pisani. Col tempo ha perso un golfo il Sinus Pisanus una laguna che si estendeva fino a Livorno. I Medici hanno attivato la bonifica formando una pianura.
Il nome PISA deriva dall'etrusco e vuol dire ''bocca''-'foce'' in quanto un tempo sorgeva sulla foce dell'Arno. La nascita di Pisa è dovuta al fatto che fungeva come porto fluviale etrusco IV secolo a.C. seppur esistono scavi che testimoniano nuclei abitativi già intorno al IX secolo a.C. da questo una fiorente attività fluviale e artigianale. 
Nel I secolo a.C. fu colonia romana 
Nel 600 fu la volta dei Longobardi divenendo il porto principale del Tirreno gli scambi avvenivano con la Corsica Sardegna Francia Spagna.
Nel XI fu un bel periodo Pisa diventa Repubblica Marinara insieme ad Amalfi, Venezia e Genova.
Nel XI e il XII costruiscono il Duomo e la Torre Pendente. Con il ricavato dei soldi la flotta pisana intraprende imprese marittime di successo fondando la colonia in Nord Africa in Spagna meridionale e sulle coste meridionali dell'Asia Minore. L'arcivescovo espande il territorio e instaura relazioni con l'Impero bizantino e il mondo islamico. Sussiste una forte contaminazione culturale. Splendore artistico nel XII con Nicola Pisano Giovanni Pisano e Arnolfo di Cambio mentre nella matematica Leonardo Fibonacci e il suo sistema posizionale indiano. Le riuscite suscitano invidia e così la rivalità sfocia nella battaglia di Meloria contro Genova nel 1284 davanti al porto pisano. Inizia il declino. 
Nel periodo dello splendore il Console è sostituito dal Capitano del popolo la nuova classe dei mercanti. Nel contempo il popolo si ribella e ottiene il proprio spazio e ratifica leggi. 

Nel 400 con il tradimento del Capitano del Popolo Giovanni Gambacorta viene occupata dai fiorentini
La città si depaupera economicamente e demograficamente. 
Nel 1494 in Italia arriva Carlo VIII  re di Grancia e il popolo pisano insorge cacciando i fiorentini. Tuttavia intorno al 1509 il contingente fiorentino entrato in città mette fine alla Repubblica. L'abbandono il riformarsi delle palude genera malattie e un declino progressivo.
Con Rinascimento intorno al XVI e la Signoria dei Medici riprende una vita migliore. Si avviano diverse bonifiche riaprono le Università nel 1543 e nel 1544 istituiscono un orto botanico. Gli interventi urbanistici tra cui il Ponte di Mezzo, edifici di Piazza dei cavalieri e le Logge dei Banchi. Mentre sui Lungarni vengono costruite le residenze signorili e il Palazzo Reale.
Cosimo I de medici concede al popolo pisano delle agevolazioni sia fiscali che giudiziarie.
Lorenzo de Medici il Magnifico costruisce il Palazzo della Sapienza di fianco alla Fortezza Vecchia.
Nel 1809 1814 ci fu l invasione napoleonica e nasce per opera di Napoleone la fondazione della Scuola Normale Superiore sul modello Ecole Normale di Parigi. Nel 1860 è unita al Regno d'Italia partecipando nel 1872 ai moti risorgimentali.  
Nel 1943 con il bombardamento durante la Seconda Guerra Mondiale vengono rasi al suolo interi quartieri in particolare la zona della stazione e tante altre opere. La Liberazione avviene il 2 settembre 1944 con un bilancio nefasto in ogni aspetto.
Oggi si può dire che vive anche di Turismo.

Programma
Tipologia: cicloturistica 
Difficoltà:  
per i ciclisti con uscite lunghe alle spalle o allenati. OOO
Lunghezza: 316 km
Altitudine: 2010
Trasporto: solo bici da corsa 

Informazioni radioh2e@libero.it
durata 32 ore 

Note
-Kit riparazione per più giorni

-kit emergenza 
-casco
-abbigliamento da bicicletta + 1cambio e occorrente personale per più giorni
-lucchetto bici
-acqua integratori barrette 

-- da organizzare tenda materassino e fornelletto per il caffelatte la mattina e il caffè o tè  alle soste 

Itinerario 
Cerenova Costantica direzione Aurelia Grosseto. Follonica. Cecina. Livorno. Via Vecchia Livornese. Viale D. Orlandi. Ciclopista del Trammino. Via Livornese. Piazza della Stazione

Descrizione
E' mio intento  fare un cicloviaggio in lentezza e per quanto possibile in serena gioiosità. Lasciare il bagaglio esperienziale a casa e leggeri si pedala. Nuovi argomenti nuovi progetti e obiettivi.

 

Ho qui in Pisa una certa strada deliziosa, che io chiamo Via delle rimembranze:
là vo a passeggiare quando voglio sognare ad occhi aperti.

(Giacomo Leopardi)

 

La storia in Breve delle Piazze da visitare 
 

Piazza centrale della Stazione 
Si trova dove si affaccia la stazione di Pisa Centrale. Comprende parcheggi e fermate del bus. Una fontana e isola pedonale. 

  •  

Piazza Francesco Carrara
Era l'arsenale della città mentre nel Medioevo diventa sede del potere mediceo. nel 1700 costituiscono gli Uffizi Pisani da parte del Lorena

 

 

Piazza Dante
Qui è la vita universitaria ci sono le facoltà di Giurisprudenza Filosofia Storia Lettere. Sede dell'università antica la Sapienza di Pisa e del neoclassico palazzo della Cassa di Risparmio.

 

Piazza Duomo
Si trova un grande prato di gusto romantico e il Duomo il Battistero la Torre Pendente il Camposanto Monumentale

 

Semmai per visitare solo le Piazze di Pisa dalla stazione di Marina di Cerenova si prende il treno per Pisa e si fa la strada di ritorno in bici e si ha il mare a destra. Oppure si ritorna col treno.  Con l uso del treno si può fare per un week end 

 

AURELIA 

Via Aurelia ss1 storia in gocce
Nel III sec a.C. il console Gaio Aurelio Cotta fece iniziare la costruzione di una strada per collegare Roma a Cerveteri continuando poi per Cosa e Pyrgi quando questi luoghi erano stati sottomessi dai romani.

 

direzione Civitavecchia

Le tappe in Roma, esemplificazione 
. partenza: Foro Boario
. Tevere: ponte Sublicio oggi sostituito da ponte Rotto
. via Lungaretta
. zona paludosa: Trastevere
. Gianicolo: via Paglia; vicolo Frusta; via S. Pancrazio

 

Tappe della costruzione
- Vada
- Pisa
Per le problematiche alla zona paludosa, la strada termina qui per un lungo tempo.  Cosicché si aggira l'ostacolo e si riesce nel 109 a.C. con Emilio Scauro  a congiungere Luni e Vado Ligure passando per Tortona. La via prese il nome del costruttore.

Nel 56 a.C. Giulio Cesare per conquistare la Gallia aveva bisogno di una strada diretta tra Pisa e Luni incaricò il figlio di Emilio Scuro cioè Marco E. Scauro, il nuovo percorso si fermava a Lucca oggi la strada prende il nome di Scarzanese che colle Lucca con Camaiore, Massa e Scarzana.

Nel 13 a.C. Augusto fece costruire un altro tratto a lui dedicato Via Juli Augusta, Trofeo di Augusto e La Turbie sopra l'attuale Principato di Monaco, Un autoregalo per la riuscita della sottomissione alpina.

La Scarzanese fu migliorata, la via Aurelia diventò Via Aurelia ss1 da Roma ---> Ventimiglia ---> Nizza ---> Toloneta ---> Marsiglia ---> Arles con km totali di 962 Aurelia/Julia-Augusta 

 

 

 

 

Fonte: Wikipedia. Reporter Cicloturismo

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post