Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
IL POTERE DELL'ECCELLENZAblog

6Pedagogia. Gli autori antichi da conoscere per una visione lineare dei metodi educativi

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

6Pedagogia 

Gli autori da conoscere per una
visione lineare dell'inizio dei metodi educativi
 a cura Edda Cacchioni 
Scrittrice Professionista-Traduttrice
Editor-Counselor 
Artista Atleta

Un ArticoloLezione semplice e interessante. Suppongo che già saprai quali siano, si, perché in un corso di pedagogia non possono mancare i nomi di coloro che senza saperlo hanno cambiato il modo di pensare e stili di vita alle generazioni più attente e studiose perlomeno fino all'avvento della radio e poi la tv.

Platone . Aristotele

Di libri su questi due autori ne sono stati scritti moltissimi ed io ti suggerisco di leggerne alcuni ma soprattutto non mancare di leggere almeno un libro sia di Platone che di Aristotele.

Vediamo i passaggi più importanti della vita e del pensiero dei due autori. 

Platone
Platone è stato discepolo di Socrate. Di famiglia aristotelica nato ad Atene nel 427 a.C. morto nel 347 a.C.. Con la condanna a morte di Socrate si allontana dal governo e dei Trenta Tiranni di cui avrebbe voluto farne parte. 
Si dedica ai viaggi, visitò l'Egitto, Cirene e Taranto salute il pitagorico Archita e nel 388 va a trovare Dione il cognato del tiranno Dionigi il Vecchio a Siracusa.
Nel 387 fonda l'Accademia una comunità religiosa e al tempo stesso scuola di filosofia e scienza con metodo pitagorico. Si trasferisce diverse volte a Siracusa presso Dionigi il Giovane sia per questioni politiche sia per mettere  buona parola nell'amico Dione esiliato dal nipote. Torna ad Atene col fallimento dei suoi progetti. 
Gli scritti autentici di Platone sono 28 dialoghi e 4 epistole.
I 28 dialoghi si dividono in 3 gruppi:
- dialoghi socratici della giovinezza
- dialoghi della maturità
- dialoghi della vecchiaia 

Ma quali sono le idee di Platone?
Egli sosteneva Socrate in quanto lo riteneva un uomo giusto e virtuoso condannato seppur innocente. Platone studia la concezione dualistica tra natura e  il pensiero. 
Contrapposizione filosofica che sviluppa per negare la reale consistenza del mondo sensibile e materiale che è solo un'ombra illusoria che lui chiama IPERURANIO. Nell'Iperuranio spazio riflesso copia del conosciuto ci sono le Idee incorporee e intellegibili cioè conoscibili e comprensibili.
Le idee sono modelli eterni e perfetti delle loro imitazioni naturali cioè le cose corporee, apparenti e ingannevoli.

Per Platone Conoscere è Ricordare!
La verità è universale e necessaria proprio perché non deriva dall'esperienza; essa non è altro che il ricordo (anamnesi) di ciò che l'anima, immortale e spirituale, ha già contemplato nel mondo delle idee durante una vita precedente.

MITO DELLA CAVERNA affascinante studio comportamentale riflessivo .....
L'Immagine del Mito della Caverna spiega le tappe della Conoscenza umana. Un gruppo di persone incatenate dentro una caverna con le spalle all'entrata e il viso rivolto verso il muro. All'esterno un grande fuoco proietta sul muro le ombre di persone e oggetti che passano. per gli incatenati l'ombra è la loro realtà mentre sono APPARENZE. 
Uno alla volta vengono liberati e portati all'esterno dove la luce lo infastidisce e gli oggetti reali sconcertati.
Una volta abituato contemplerà il sole e anche il filosofo si mette a contemplare il mondo intellegibile e infine, la più alta di tutte le idee, il Bene, il principio della scienza.
La DIALETTICA è la formazione conoscitiva che porta a ritrovare le immagini cioè le ombre alle singole cose stabilendo la gerarchia delle IDEE MATEMATICA IDEE DI GIUSTIZIA ECC  considerate supreme 

I quattro gradi della conoscenza
1immaginazione 2credenza 3ragione discorsiva 4intelligenza intuitiva e noetica (nous) 

1&2 = opinione (doxa) la natura è presa in considerazione

3&4 = scienza (episteme) riguardante l'IPERURANIO

Aristotele
Aristotele nasce a Stagira in Macedonia nel 384 a.C. 
A 17 anni si trasferisce ad Atene e inizia a frequentare l'Accademia per vent'anni fino alla morte di Platone. 
Studia biologia ad Asso e qui insegna per tre anni. Alla morte del suo protettore parte. Nel 342 a.C. re Filippo II macedone lo interpella come precettore del figlio Alessandro (alessandro magno) che una volta sul trono fa stabilire ad Atene Aristotele dove fonda il Liceo un luogo pubblico insegnamento e istituzione di Stato.
La parola Peripatetica deriva dal fatto che Aristotele era solito insegnare e passeggiare sotto il portico e nel giardino.
Il Liceo di Aristotele è il primo istituto scientifico dell'antichità. Aveva corsi regolari e graduati, biblioteca e museo. Protetto da Alessandro Magno e quando morì Aristotele fuggì a Calcide perché accusato di empietà. A Calcide muore poco dopo l'arrivo.

Aristotele contribuì all'impero universale di Alessandro Magno con ideali monarchici conservatori tipici di Aristotele.

16 anni prima vennero soggettate le polis togliendo loro l'indipendenza.

Il pensiero di Aristotele in breve
Cresciuto col padre medico era predominante l'interesse scientifico. Il sapere umano era suddiviso nel suo campo di indagine col proprio metodo ergo si hanno le scienze naturali (fisica biologia astronomia) e le discipline umanistiche (diritto politica economia etica poetica retorica.

I suoi studi sono stati considerati l'enciclopedia del sapere umano fino alla rivoluzione scientifica del XVII sec.

 

 

approfondiremo Platone e Aristotele attraverso la videoLezione e l'e-book
Entro agosto terminerò la pubblicazione delle lezioni e tu potrai richiedere l'attestato di frequenza alla lettura.

In seguito saltuariamente verranno aggiunti articoli informativi.

nel frattempo ogni venerdi 14.30
MOMENTO LETTURA & SCRITTURA

Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post